• Home
  • TURISMO
  • “Benvenuti nell’antica terra della libertà” così San Marino accoglie tutti coloro che entrano

“Benvenuti nell’antica terra della libertà” così San Marino accoglie tutti coloro che entrano

San Marino è divisa in una serie di rioni, detti Castelli, di cui il più noto è Serravalle.serravalle

Con i suoi 9.394 abitanti, il castello di Serravalle è il borgo più popolato di San Marino ed è anche il più esteso del paese. Confina con i castelli di Domagnano e Borgo Maggiore e con i comuni di Verucchio, Rimini e Coriano.

Originalmente si chiamava Olnano ed era uno dei castelli dei Malatesta di Rimini, poi entrato a far parte del territorio sammarinese nel 1463.
L’ingresso principale dal monte Titano in direzione di Rimini è la frazione di Dogana, che è attraversata dalla superstrada.
E’ in questa via che, quasi all'altezza del confine, si trova la celebre scritta "Benvenuti nell'antica terra della libertà" che accoglie tutti coloro che entrano a San Marino.
Negli ultimi anni Dogana, come centro abitato più popoloso del distretto, ha cercato di emanciparsi da Serravalle per costituire una frazione a se stante, anche se a tutt’oggi le richieste dei cittadini, presentate nel Consiglio Grande, sono state ripetutamente bocciate.
Sempre vicino al confine con l’Italia si trova la frazione di Rovereta, uno dei quartieri storici del monte Titano, nota soprattutto per la controversa vicenda dei “fatti di Rovereta”
Tutto ebbe inizio il 30 settembre del 1957, quando un comitato provvisorio di destra occupò uno stabilimento industriale abbandonato vicino al confine con l’Italia e vi istituì un governo parallelo a quello ufficiale di San Marino, grazie anche al sostegno delle forze statunitensi e italiane, che erano sfavorevoli alla maggioranza in carica.
Un gruppo di carabinieri proteggeva lo stabilimento dalla parte italiana, mentre allo scopo di garantire l'ordine pubblico venne stabilita dalla Reggenza una milizia volontaria.
La crisi terminò tra l'8 e il 10 ottobre quando Ettore Sozzi, comandante della gendarmeria, ricevette i pieni poteri, mentre l'11 ottobre il governo provvisorio salì sul Titano per insediarsi al Palazzo Pubblico.
Ancora oggi Rovereta è una zona a forte sviluppo industriale ed è al centro di un vivace dibattito politico in quanto vi sono le sedi di alcune sale da gioco in cui il governo sostiene che venga praticato il gioco d'azzardo, che gli accordi in vigore con l'Italia vietano.

Copyright © RiminiFree.it P. IVA 13181390157 -  MILANO TORINO PAVIA RIMINI Facebook fan page RiminiFree.it su Twitter Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Feed RSS

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.